Paolo Zaffani

1-Caro Paolo

Caro Paolo

Noi amici del “Marco Polo Camper Club”, Associazione che Tu hai fondato e per la quale hai dato tutto il meglio di te stesso, ti vogliamo ringraziare: per la disponibilità che hai dimostrato nei confronti nostri e di tutto il mondo  Associativo e del volontariato;  per l’amicizia, perché ci hai insegnato ad essere amici di tutti, senza distinguo di razza, di religione o di idee politiche; per la solidarietà, perché sei sempre stato sensibile alle richieste di aiuto degli altri;

 Caro Paolo

Con te abbiamo condiviso molti itinerari che tu preparavi con competenza nei minimi particolari perché volevi farci cogliere gli aspetti più belli dei luoghi da visitare.

Con te abbiamo imparato ad ammirare la bellezza dei borghi medievali, dei castelli, che tu scovavi nei luoghi più remoti, e con palpabile entusiasmo ci raccontavi la loro storia.

 

Con te abbiamo condiviso lo stile di vita del Camerista fatto di libertà, di amicizia, di aiuto reciproco ma anche di rispetto per l’ambiente naturale e dei luoghi visitati. 

Oggi, come sempre, ti stai per mettere in viaggio, con un po’ di retorica potremmo dire per l’ultimo viaggio. Invece no, continuerai a viaggiare con noi, perché sei parte di noi e non possiamo immaginarti lontano da noi.

E uniti a Paola, Sara, Giulia (la tua famiglia) ti diciamo ciao Paolo e grazie di tutto.

11- Pietro Paolo

Pietro Paolo Zaffani, Paolone per gli amici, è stato fondatore e primo presidente del Marco Polo Camper Club. Personaggio di grande, in tutti i sensi, personalità, si è distinto per la sua capacità organizzativa, per la sua disponibilità e generosità dimostrata in ogni frangente.

La sua attività nel mondo del turismo itinerante l’ha portato ben presto a ricoprire ruoli a livello nazionale all’interno dell’Unione Club Amici di cui era diventato ben presto coordinatore regionale. La sua presenza alle fiere di settore, agli incontri, ai raduni, era sinonimo di esplosione gioiosa, di amicizia, di solidarietà. Sempre attento ai bisogni del mondo associativo, non smetteva mai di far rilevare la bellezza dello stare assieme, del viaggiare in gruppo, dell’attenzione verso gli altri.

Attraverso le pagine del giornale del Club, da lui fondato e per tanto tempo “assemblato”, si è fatto promotore dei valori più belli, contagiando un po’ tutti con la sua gioia di vivere, di progettare, di programmare.

Grazie alla sua azione il Club si è allargato, comprendendo anche una sezione della Valdillasi, con ben quattro paesi che a seguito del suo impegno, sono entrati a far parte del circuito  “Comuni amici del turismo itinerante” e tutta una serie di iniziative volte a valorizzare il territorio veronese.

Una breve crudelissima malattia ha cancellato la sua imponente figura fisica, ma non il suo ricordo, la sua presenza. Tantissimi amici provenienti da tutta Italia hanno voluto testimoniare che l’impegno di Paolone continua, che i valori umani e sociali nei quali credeva non possono essere cancellati da un destino cattivo. E a riprova di questo sta la bella scultura-targa posta dal 10 maggio 2009 all’ingresso dell’area sosta camper di Illasi. Porta scritto per sempre il nome del presidente del Marco Polo Camper Club, Paolo Zaffani.

 

2- Caro Paolo - Tricarico

Avevamo la stessa fede politica, una diversa fede calcistica e ogni telefonata era simpaticamente motivo per ricordarlo. Ecco proprio la fede, magari intesa in senso laico, civile, era il sentimento che contraddistingueva Paolo. Credeva massimamente nei valori dell’uomo, della conoscenza, dell’amicizia, credeva nella non violenza e quindi nella tolleranza e pensava giustamente che il movimento camperista dovesse distinguersi in questo.

Avevo conosciuto Paolo cinque anni fa, lui presidente del Marco Polo, io assessore del comune di Illasi: assieme con alcuni amici, pochi all’inizio, abbiamo organizzato il primo raduno, poi di seguito è stata progettata e costruita l’area camper di cui andava giustamente orgoglioso, poi è nata la sezione Valdillasi, un gruppo che Paolo ha visto crescere e consolidarsi.

Quando Paolo arrivava ad Illasi era conosciuto e stimato da tutti. Illasi non ha avuto bisogno di un ufficio per il turismo, bastava lui, lui e il suo entusiasmo per un territorio a cinquanta chilometri da casa sua. Oggi i tuoi amici di Illasi, dagli amministratori alla Pro Loco ai camperisti in giacca rossa che anche tu avevi ricevuto, ti dicono grazie per quanto hai fatto senza mai chiedere nulla come era nel tuo stile. E tutti siamo vicini con tanto affetto alla tua famiglia.

L’area camper di Illasi si trova in località Paradiso e forse non è un caso: se esiste un  paradiso dei camperisti, Paolo sta già preparando il primo numero del suo nuovo giornale.

Che la terra ti sia lieve, amico.

Giorgio Tricarico

Marco Polo Valdillasi

 

 

 Ricordo di Paolo

Lo sguardo sorridente di chi ha raggiunto la luce e ti incoraggia a viaggiare con infinito entusiasmo e giovanile slancio per arrivare alla meta suprema, al senso ultimo della vita, alla pace eterna

 

Giorgio Buttura

Marco Polo Valdillasi  

3- Editoriale maggio 09

Ciao Paolo,

 

hai visto quanti amici si sono presentati a questo evento per noi memorabile? Dico memorabile perché è la prima volta che un’area di sosta viene intitolata ad un camperista, e questo evento diventa così eccezionale. Come tu ben sai, i presenti sarebbero stati molto di più se maggio non fosse un mese molto impegnativo per noi camperisti: si svolgono molti raduni; si tengono le comunioni dei figli o dei nipoti; molti hanno le prime ferie dell’anno e vanno all’estero. Perciò molti non hanno potuto partecipare fisicamente, sebbene in quel momento ti siano stati vicini col pensiero e con il cuore. I tuoi più cari amici, con cui hai portato avanti le lotte per noi camperisti, avevano disdetto da tempo i loro impegni, e sono venuti a rendere omaggio a te, che tanto hai dato e profuso per il turismo itinerante veronese e non. Naturalmente non potevano mancare le tue Paola, Sara e Giulia, che sono e saranno sempre parte integrante di noi. Ci ha fatto inoltre molto piacere la presenza di tua sorella Giuliana e della zia della Paola. Sappi, caro Paolo, che questa cerimonia si è potuta effettuare grazie al contributo del nostro Giorgio Tricarico, che l’ha proposta al Sindaco ed alla Giunta di Illasi ed è stata immediatamente recepita. Ma non solo: tutto il Consiglio Comunale ha espresso voto favorevole, e ai suoi membri noi diciamo “grazie, grazie ed ancora grazie”. Prima della cerimonia pensavo, forse ingenuamente, che il Tuo nome venisse impresso sopra una targa, e mai avrei immaginato una stele in ferro, un monumento veramente fine, e come ha scritto un Tuo caro amico: “Il nome di un camperista resterà affisso per sempre a futura memoria, come quello di poeti, scrittori, politici”. Sei diventato immortale. Per questo motivo diciamo ancora grazie all’Amministrazione di Illasi.

Come aveva promesso in precedenza, il Sindaco dott. Trabucchi è venuto a trovarci durante il pranzo, ed ha proferito un solenne discorso ricordando l’operato e la dedizione con cui tu, Paolo, hai sempre proposto e portato avanti le tue idee.

Adesso dobbiamo salutarci, ma so che lassù tu continuerai ad organizzare meticolosamente nuove uscite e nuovi raduni, intratterrai i tuoi nuovi amici come sai ben fare, e racconterai le barzellette che noi avevamo già imparato a memoria quaggiù, ma che raccontate da te ci facevano sempre divertire molto di più.

Non so quando sarà, ma vedrai che un giorno ci rivedremo, ed allora  mi aggregherò al Tuo nuovo Club. E se ancora lo vorrai, ti aiuterò a renderlo sempre più grande e numeroso.

 

Ciao guagliò’!!!

Flavio

 

11/05/2009

 

5- Ciao Paolo

Ciao Paolo

 

Io che sono mantovano, e che provengo dal “Camper Club Solidale Mantova” mi ritrovo Presidente del Marco Polo Camper Club, che ha la sede a Cerea, lontana più di quaranta chilometri dal mio paese di residenza. Non l’avrei mai immaginato, ma se tutto questo è potuto accadere il merito è Tuo.

Ci siamo incontrati per la prima volta cinque anni fa, al raduno di Casaleone, e subito mi ha colpito la tua simpatia e la semplicità con cui sapevi mettere a proprio agio i partecipanti, il tuo dialogare con tutti come se fossero vecchi amici, la tua gioia nel sentirsi in un altro mondo e la tua voce forte e chiara sostituirsi ad un megafono. Quell’incontro è stato determinante nella scelta del Club di appartenenza e così decisi di iscrivermi definitivamente al Marco Polo. È così che ho iniziato il cammino insieme a te. Un cammino che ci ha portato a confrontarci sull’amicizia reciproca, sulla politica, sulle uscite organizzate per i soci, sui nostri raduni, su come raggiungere determinati traguardi per il nostro Club. Abbiamo fatto un’uscita con altri amici nella tua amata Germania, per toccare con mano come questa nazione sappia ospitare in maniera egregia il turismo itinerante, e sei riuscito a farmi bere una birra anziché un caffè in pieno pomeriggio (cosa che in Italia non avrei mai fatto o pensato). Per il gemellaggio fra Casaleone ed Esvres, la prima volta eravamo in tre equipaggi (Tu, Bonatti ed io), ma al secondo viaggio in Francia eravamo già in dodici, grazie all’entusiasmo che abbiamo messo nel descrivere la nostra esperienza.

Tu che sei stato il grande fondatore e presidente del nostro club avresti dovuto trasferirmi la tua esperienza ed insegnarmi “i trucchi del mestiere”, ma non ne hai avuto il tempo. Ma eccomi qui, a portare avanti la tua “creatura” nel miglior modo a me possibile, accompagnato da ottimi collaboratori del Direttivo (e non), il quale ci ha uniti e fatti un unico gruppo.

Ciao Paolo. Non era da te, ma te ne sei andato in punta di piedi, silenziosamente.

Flavio 

 

6- Ciao Paolo

Ciao Paolo, ciao Amico mio.

Quando leggerai il mio messaggio e lo so che lo leggerai, è il mio cuore che lo scrive, ti ricorderai di tutti i momenti bellissimi vissuti insieme.

Ricordo con piacere la tua semplicità e lo spirito positivo che ti ha sempre accompagnato, con la battuta pronta ma serio e deciso nei momenti importanti.

Il meglio lo davi quando ti cimentavi nel raccontare barzellette in dialetto napoletano ma, la tua cadenza veneta, rendeva ancora più divertente il racconto.

Leggevo nel tuo sguardo tutta la passione che nutrivi quando, seduti sotto il tendalino del camper, raccontavi di quanto era stupenda per te la Germania oppure da profondo conoscitore di vini, sembravi un esperto sommelier. Sin dal nostro primo incontro, abbiamo compreso entrambe che eravamo in perfetta sintonia ed il lavoro svolto in seguito per la nostra comune causa è stato gratificante ed indelebile.

Non potrò mai dimenticare il tuo stupore quando, in una fredda sera di novembre, io e Maria venimmo a sorpresa al raduno organizzato dal Camper Club Marco Polo ad Illasi. Era evidente che la tua felicità nell'incontrarci era spontanea e sincera. Faceva molto freddo, ma la tua calorosa accoglienza è stata per noi più forte del "parapampoli" bevuto insieme in allegria.

Potrei scrivere tanto e tanto altro ancora ma i ricordi che ho nel cuore li porterò sempre con me, saranno sempre vivi, belli, positivi e da prendere ad esempio nei momenti di difficoltà.

Ciao Paolo,

Gianni e Maria Ruffo

 

7- Ciao Paolo

CIRCOLO TURISTI ITINERANTI

"Quelli che...il camper"

 

Spesso frequentiamo per anni persone che però non riusciamo a sentire veramente amiche.
Paolo lo vedevo due volte l’anno, pure lo sentivo vicino, come un vero amico.
Oggi tutti avranno una infinità di cose buone da dire su di lui, tutte vere, tutte sincere.
Io invece voglio ricordare due episodi che mi riportano alla mente il suo spirito, la sua esuberanza e la sua grande allegria.
Spesso, per il suo lavoro, lasciava un cartello “Sono al cimitero, torno subito”
L’altra sua frase la sento come se la stesse dicendo adesso a tutti i suoi amici camperisti:
“Guagliò, non me ne sono andato perché sono e sarò sempre con voi …”

Ciao Paolo.

ezio marconi

claudio carpani

giuseppe scandurra

alberto sanmarchi

in rappresentanza di tutti i soci del Circolo

 

8- Caro Paolo

Caro Paolo,

ho sperato di poterti abbracciare di persona cercando con te di dimenticare questo fine 2008, per puntare tutto e scommettere su un po’ di buona sorte per il 2009.

So che sono momenti difficili e dolorosi ma; per i primi, sai che siamo tutti vicini a te e alla tua splendida famiglia con immenso affetto; per i secondi, se solo madre natura lo permettesse ce li divideremmo un pezzettino ciascuno come se fossimo a tavola e, per quanti siamo, avanzerebbe certamente un po’ di sana gioia.

Purtroppo non è possibile e all’ora devi tenere duro tu, con quella forza che hai sempre trasmesso a tutti noi, a cominciare dai Tuoi discepoli, delfini, anzi granatieri,

I Tuoi Amici del Direttivo.
Prima di abbracciarti virtualmente, vorrei pregarti di non lasciarci fuori della tua porta, l’Amicizia vera, quella che so scrivere solo con la maiuscola, è come il matrimonio, ce sempre; Nella buona e specialmente nella cattiva sorte, Nella gioia e soprattutto nel dolore.

Ciao Amico Mio

Con immenso affetto

Packy

9- Maggio 2009 Illasi

INTITOLAZIONE AREA DI SOSTA CAMPER A PAOLO ZAFFANI

Illasi, programma 10 MAGGIO 2009

. ore 10,30 cerimonia ufficiale di intitolazione dell'area camper alla presenza dei familiari di Paolo Zaffani, delle autorità e di tutti i camperisti.

Chi desiderasse arrivare nei giorni precedenti troverà sempre disponibile l'area camper ed eventualmente gli ampi parcheggi dell'area artigianale. Non sussistono infatti problemi di spazio.

Questo momento non è da considerarsi un raduno, perchè non ci sono i presupposti, ma è un riconoscimento all'amico Paolo, che il sindaco di Illasi dr. Trabucchi, l'Amministrazione e tutti i Consiglieri vogliono tributare a Lui, ed è anche un momento per stare tutti in compagnia come Lui amava fare.

 FLAVIO SUPERBI

Presidente “Marco Polo Camper Club”          

                                                                                                            

Area di sosta

Area di sosta camper di Illasi ? …
No, area di sosta “Paolo Zaffani” ... località Illasi.
 
 

Meta  del nostro fine settimana ( 9-10 maggio ) Illasi (VR) per una cerimonia particolare e direi unica:
intitolare quest’area a Paolo Zaffani.
Illasi è un delizioso paese dell’entroterra veronese che probabilmente pochi conoscono; grazie a Paolo questa località è divenuta luogo d’incontro per molti camperisti.
Questi due giorni ci hanno consentito di salutare il nostro amico “Paolone” nella sua ultima dimora a Cerea. Devo dire però che aldilà della commozione del momento il nostro è stato un incontro con un grande amico che è sempre presente nei nostri cuori e che ha rappresentato per tutti un esempio di onestà, impegno e tanta umiltà, di quella vera.
Dovrei raccontarvi della cerimonia ufficiale dell’inaugurazione, con le Autorità, la moglie e le figlie di Paolo,
i suoi amici camperisti, ma non me la sento.

La realtà è che ci manchi tanto Paolo.
Grazie per tutto quello che hai fatto per il nostro mondo.

un amico
ezio marconi
“Quelli che…il camper”    Bologna